lunedì 5 settembre 2011

Una scorpacciata di Pink Floyd (Why Pink Floyd)



Alla fine sono sempre gli stessi che pagano… e la regola vale anche per i CD. È in corso la ristampa in pompa magna della discografia dei Pink Floyd, indirizzata con ogni evidenza allo stesso pubblico di soliti noti che a suo tempo ha già comperato i dischi originali in vinile e poi la ristampa (già in alta qualità) in CD. L’operazione prende il nome di Why Pink Floyd, e le ristampe rientrano addirittura in tre categorie differenti: Discovery (scoperta), Experience (esperienza) e Immersion (immersione).
Discovery comprende la ristampa di tutti i CD dei Floyd (con l’esclusione però di Relics - vale a dire che mancano canzoni non da poco come Arnold Layne, See Emily Play, Remember A Day, Paintbox, Julia Dream… vale a dire i singoli non compresi nei primi due album). La differenza, capace di ingolosire chi anche possiede la già rispettabile stampa precedente, è che le confezioni sono in digipak, cioè in cartone, di un appeal superiore rispetto alla classica jewel box.
La ristampa Experience è più golosa per gli appasisonati. Infatti aggiunge un secondo CD registrato dal vivo. Al momento sono stati stampati solo l’immancabile glamour The Dark Side Of The Moon e il più interessante Wish You Were Here comprende fra l’altro Shine On You Crazy Diamond dal vivo a Wembley nel 1974 con Raving & Drooling e You’ve Got To Be Crazy, oltre all’inedito Wine Glasses. Brucio d’impazienza per le ristampe precedenti, contando su inediti e versioni live di Atom Heart Mother, Meddle e magari, mai mettere un limite alla provvidenza, registrazioni allargate del periodo Ummagumma.
Il prezzo della Experience sembra essere comunque onesto.
Infine la ristampa Immersion è quella dei lussuosi box con CD e DVD destinati ai teenager di una volta che crescendo sono diventati notai o dentisti.
Per i minimalisti è stato anche stampato un riassunto in un solo CD, A Foot In The Door - the best of.

Nessun commento:

Posta un commento