sabato 13 agosto 2011

Southside Johnny > Uomini senza donne


C'era un'altra grande band ad Asbury Park: Southside Johnny And The Asbury Jukes, la big band con i fiati che Bruce Springsteen avrebbe voluto negli anni a suonare nei club della spiaggia prima del successo. Lo Shore Sound, lo chiamano. Fino al 1978 era Miami Steve Van Zandt il leader musicale di quella gang, quando dopo aver chiuso le interminabili registrazioni che portarono al capolavoro di Darkness On The Edge Of Town di Bruce, registrò con i Jukes Heart Of Stone, con qualche canzone rubata alle registrazioni del Boss (come quella che diede il titolo al disco) e molti pezzi di proprio pugno. In più Steve volle dare al disco il proprio sound, quello per il quale aveva discusso in sala di registrazione con Bruce ("Steve vuole avere sempre ragione").
Molti brani restarono fuori dalle registrazioni di Heart Of Stone (per esempio Inside of Me, Princess of Little Italy, Until the Good Is Gone, Forever, Angel Eyes, I've Been Waiting) e Steve le registrò nel 1982 come Little Steven and the Disciples Of Soul, con il titolo di Men Without Women con membri degli Asbury Jukes, E Street Band e Miami Horns. Fu un buon album, ma non ebbe un successo commerciale.



Racconta il Southside Johnny dei giorni nostri che lo ascoltava in auto e pensava: "non posso credere che non sia stato un successo. Grandi canzoni, grandi arrangiamenti ed una killer band" (backstreets.com). Da qui l'idea di ridare vita all'album. Per il concerto del 4 di Luglio di quest'anno allo Stone Pony Southside Johnny & The Asbury Jukes hanno ripresentato il disco per intero. Per chiudere con una versione di Heart Of Stone con un assolo di sax di Ed Manion a rendere omaggio al Big Man di Jungleland; infine ha chiamato sul palco proprio Little Steven per qualche duetto di Sam & Dave, Ray Charles e la chiusura di rito con I Don't Want To Go Home (il pezzo scritto da Steve con cui i Jukes chiudono i loro concerti).


Storie di Asbury park, di cui noi leggiamo solamente. Ma questa volta l'idea è di pubblicare il concerto di Men Without Women a nome dei Jukes. Non vedo l'ora. 

(fotografie © Backstreets.com)

Nessun commento:

Posta un commento